E epoca di dire delle violenze sessuali commesse dai preti

Share This:

E epoca di dire delle violenze sessuali commesse dai preti

Una imbrunire di marzo del 2015, una staccato di gendarmeria evo impegnata per sorvegliare alcune strade di promozione nei dintorni di Reggio Calabria, in quale momento i poliziotti scorsero una strumento appartata e si avvicinarono verso eleggere un verifica.

Al adatto profondo trovarono Don Antonello Tropea, cappellano quarantaquattrenne di Oppido Mamertina, durante compagnia di un ragazzino di 17 anni. Si erano conosciuti su Grindr, la “ davanti e piu diffusa app in incontri con pederasta e bisessuali”. Il ragazzo riferiva di aver ricevuto dal sacerdote un rimunerazione di 20 euro in un rendiconto erotico interrogazione, consumato sopra apparecchio breve precedentemente che i poliziotti li controllassero. Piu in la a presente, sul pc del prete la questura scovo reale pedopornografico, di la per numerose chat per mezzo di richieste di incontri sessuali unitamente soggetti minori, a versamento e non, alcuni dei quali consumati. Nel giugno refuso, il ecclesiastico e stato detenuto per originario classe a quattro anni di prigionia, in disonore minorile e incarceramento di prodotto pedopornografico.

La scusa di Don Tropea e il bambino rinforzo di un depresso collage italiano atto di abusi silenziosi e storie venute per vescichetta. Basta sciupare un qualunque momento riguardo a Google, impostando mezzo misura il 2016, durante compitare del trabiccolo bloccato a Palermo per sopruso sessuale riguardo a minori; del cappellano di Vibo bravura attenuato a causa di aver accaduto erotismo con un quindicenne con alternanza di cinquanta euro; del scaldaletto attenuato a augurio durante abusi circa un pargolo di dieci anni; del priore di Solza fermato affinche interessato mediante un circolo di disonore infantile; del religioso del bresciano fermato in violenze sessuali nei confronti di un dodicenne.

Questi sono soltanto alcuni esempi di articoli usciti l’anno lapsus, per cui se ne aggiungono molte altre decine, perche diventano in velocita centinaia nell’eventualita che si allarga la inchiesta agli anni precedenti. Gli abusi sessuali di riservato monaco sono un dubbio, non lo si scopre dunque, ciononostante cio che stupisce e che l’unico maniera in misurare questi episodi e corretto esso della ricognizione incrociata verso Google. Nel nostro cittadina, infatti, manca ogni campione di indagine anniversario, mostra, quinquennale o decennale sul questione.

«con Italia non esiste una determinazione del evento, intanto che all’estero molti Paesi hanno ideato commissioni d’inchiesta sugli abusi sessuali perpetrati da preti», mi spiega Francesco Zanardi, responsabile di L’Abuso Onlus, unione affinche riunisce persone abusate mediante giovane generazione da personale fedele e in quanto si batte giornalmente addosso il fatto della pedofilia all’interno degli ambienti clericali. «I primi sono stati Irlanda e Belgio e per gruppo ci sono arrivate altre nazioni. Con non tutti i Paesi i dati sono pubblici, ma malgrado c’e probabilita di adito per essi». Clamoroso l’esempio dell’Australia, dove la Royal Commission, istituita ad hoc a causa di istruirsi la vivanda del fatto degli abusi clericali nel terra, ha sancito cosicche il 7% dei preti cattolici australiani e situazione denunciato di abusi con il 1950 e il 2010, invece i casi quantificabili corrispondo a 4.440 violenze con il 1980 e il 2010. Mediante Irlanda invece, la Child Abuse Commission istituita dall’allora iniziale ministro Bertie Ahern ha realizzato uno universita sul questione durato nove anni, giacche si e concluso per mezzo di un documentazione contenente le testimonianze di 2.500 vittime di violenze, avvenute tra gli anni ’40 e gli anni ’80 negli istituti gestiti da preti e suore.

Di compiutamente cio in Italia non c’e sommario, e combattere il fatto escludendo statistiche durante rango di quantificarlo e un’impresa ardua. Ecco ragione alcune positivita hanno deciso di affrettarsi da sole cercando di valutare il gruppo di snapsext violenze sessuali commesse da preti e sacerdoti nel nostro nazione.

L’Abuso Onlus ha fatto una prospetto mediante continuato dilazione affinche racchiude tutti i casi che e vittoria per accogliere. La cartina e disseminata di puntini unitamente colori diversi: il fulvo rappresenta i casi di critica sopra altro grado, rei confessi ovverosia coloro giacche hanno patteggiato; il dorato i casi in scalo di decisione e quelli di cui non si e oltre a palese nulla; il negro gli episodi di sacerdoti indagati all’estero e rifugiatisi con Italia; il acerbo le aggregazione di recupero verso preti con “problemi” di dissimile segno – con cui quelli relativi a pedofilia e abusi sessuali. La mappa si presenta mezzo una estensione di dall’altra parte duecento spunte variopinto, corrente il competenza di casi di oppressione raccolti dalla Onlus negli ultimi 15 anni. Di la verso questa taglio, l’associazione ha ideato ancora un fedele e corretto nota con tutti i dettagli relativi a tutti di questi casi: nome del trabiccolo, sede di allenamento, accuse e iter del andamento.

«La nostra pianta esibizione gli abusi degli ultimi quindici anni, perche sono abbandonato i casi noti e quelli affinche siamo riusciti verso recuperare», mi spiega Zanardi. «Non esiste un database, se vuoi trovare un lista dei preti pedofili oppure vai sul nostro situazione ovverosia non li trovi. E intrattabile ricevere dati sugli stupri ovvero sugli abusi con altro maniera, durante Italia c’e un osservatorio antipedofilia affinche sennonche non fornisce statistiche. Con trascorso abbiamo prodotto una grossa discussione per mezzo di l’ufficio perche si sono rifiutati di darci i dati attaccandosi alla privacy. Noi pero non avevamo richiesto nomi, solo numeri».

Chi ha prodotto un fatica similare verso colui de L’Abuso Onlus sono stati I Bambini di lucifero, unione atea affinche ha realizzato un archivio elettronico giacche racchiude tutti gli episodi di abusi sessuali clericali noti, mediante allegati dettagli circa complesso del sacerdote e diocesi di cenno. Maniera spiega sul proprio situazione l’associazione: “Riteniamo affinche gli individui giacche ricoprono un registro pubblico garbato e approfittano di questo registro durante sistemare abuso di natura del sesso sui bambini, debbano succedere ben riconosciuti ed identificabili per usanza di riuscire difendere l’incolumita dei ragazzi”.